NY, the comfort zone

Questo RTW è cominciato in maniera soft: visto che la volta scorsa da Roma sbucammo niente di meno che al centro di Hong Kong, tra anatre sgozzate in vetrina e odori dubbi, questa volta arrivare a Manhattan da Cagliari e Roma è come arrivare in una specie di comfort zone.
A Hong Kong dormimmo nel CHuncking Mansion, un edificio loschissimo, in una stanza talmente piccola che per fare pipì EffeFemmina doveva tenere la porta del bagno aperta, sfiorando il muro di fronte con la punta delle dita (notare: la stanza era veramente piccola visto che EF è alta un metro e qualcosa….) . Appena arrivati a NY invece ci siamo diretti (in metro) al nostro albergo prenotato da GoAsia *. E bisogna ammettere che da una certa soddisfazione entrare col backpack al Four Points by Sheraton di Soho ;)

La stanza non è da urlo, ma comunque bella: camera con vista (si vede un pezzo dell’Empire e il fiume Hudson), letto king enorme, cosiddetta doccia porno (siamo in viaggio di nozze, in fondo!), posizione strategica nel quartiere che ci piace di più. Così cI godiamo il lusso del letto rifatto e fresco, EF fa scorta di cuffie di plastica per la doccia, EM da fondo alle riserve d’acqua newyorkesi sotto il getto stile cascate del Niagara della doccia. Dopo due notti la musica però cambia, perchè dobbiamo lasciare la nostra stanza VIP.

Il viaggio è partito all’insegna della sfiga,
[Piccola digressione per condividere:

  • il volo da Cagliari a Roma ha fatto 6 ore di ritardo, così l’abbiamo spostato al giorno successivo. Ovviamente, il gg dopo l’unico volo disponibile era alle 19. RIsultato? la giornata da turisti a Roma è saltata, la serata con gli amici è saltata pure, riducendosi ad una cena veloce alle 10:30 di notte, e ad EF sono saltati pure i progetti di shopping di alcune cose per il viaggio. Però abbiamo fatto una mattina tra Mare Pintau e Cala Regina…non ci è andata malissimo, diciamo.
  • CI aspettavamo la stagione delle pioggie in Costarica, non a NY: invece su 3 giorni in città, 2 e mezzo li abbiamo passati sotto la pioggia di una tempesta tropicale. Non pioggia normale, torrenti di acqua e temporali furiosi, con tanto di fulmini che colpivano i grattacieli come si vede solo nei film, e con tanto di pezzo del porte di Brooklyn (porzione della facciata) crollato. Ripararsi sotto una tettoia provvisoria per circa un’ora, mentre attorno impazzivano le luci dei tuoni, è stata una vera esperienza.

]
ma una cosa è andata bene: un’amica di EffeMaschio ci ha offerto il suo appartamento, perchè lei è fuori per il long-weekend. Questo, per dirla con Stafano e Margherita (due amici sardi a Melbourne) è chiaramente effetto del karma: avendo ospitato a casa orde di completi sconosciuti e amici di amici, il karma ci ripaga trovando ospitalità niente di meno che a NY!

Così da Soho ci spostiamo in un appartamento sulla 27th East, ai limiti di Midtown. Evelyn, la proprietaria, ci incontra la nostra prima sera a NY, ancora freschi di fuso orario. Ci vediamo per cena in un ristorante giapponese: sono passati 5 anni dall’ultima volta che ci siamo visti. Lei ed EM si sono incontrati mentre viaggiavano in Nuova Zelanda, hanno viaggiato un po’ insieme in Australia, e sono rimasti in contatto. La sua vita nel frattempo si è rivoluzionata (rIpensandoci, anche la nostra si è rivoluzionata da allora!): laureata in Finanza, allora era disoccupata dopo aver perso il lavoro a causa della crisi finanziaria. Ora ha un nuovo lavoro, e nel frattempo ha comprato casa a Manhattan. Allora ci aveva portati a mangiare in un ristorantino grunge, col pavimento di cemento, stavolta mangiamo in un giapponese molto accogliente e particolare, e ci consiglia ristoranti e posti un po’ più chic **

Quando apre la porta di casa restiamo a bocca aperta: l’appartamento è semplice ma enorme per essere un appartamento di Manhattan! Ma nei film non fanno sempre vedere dei buchi indicibili??? Invece è grande e luminoso, unica cosa piccolissima la cucina, un cubo di 4 mq…e ci chiediamo: ma i newyorkesi non cucinano, che hanno delle cucine così brutte e piccole? L’appartamento è al 7° piano con vista sull’Empire (praticamente una presenza fissa in questi giorni a NY), ma ancora meglio ha una terrazza panoramica condominiale al 20° piano da cui poter vedere da una parte i fuochi d’artificio del 4 Luglio, e dall’altra i giochi di luce sull’EMpire, colorato per l’occasione con i colori della bandiera. E mentre ci godiamo la mezz’ora abbondante di fuochi in mezzo agli abitanti del palazzo, qualcuno ha messo su della musica, e “New York New York” e Born in the USA risuonano nell’aria. Una gran figata di momento, sapevatelo.

Ora, dopo tutto questo relativo lusso, ci aspetta la Costarica. Che vuol dire salutare la comfort zone, e tornare al nostro abituale stato di zingaraggine. Abbiamo una specie di ecolodge nella foresta prenotato per due notti la prossima settimana (ne avevamo scelto uno nella costa caraibica, ma per qualche sconosciuto motivo ce n’è stato prenotato un altro…mah), ma già da stanotte si torna in ostello, back to reality.
Giusto per ricordarci che questo è un viaggio di nozze on the road, mica una vacanza ;)

*Nel pacchetto del premio per il concorso letterario “Go Around The World” era incluso un biglietto RTW, e due notti in albergo in ogni destinazione.
** Nell’ordine: Buvette per brunch nel West Village: francese, buonissimo e carissimo (6 $ un latte!!!), Han DInasty per cena cinese, cucina sichuan super piccante e gustosa, sulla 3rd Av, Green Olive Oil sempre nel VIllage, non ricordiamo il nome del giapponese

Enjoy the pics!

IMG_0006.JPG IMG_0015.JPG IMG_0014.JPG IMG_0016.JPG IMG_0020.JPG IMG_0022.JPG IMG_0024.JPG IMG_0027.JPG IMG_0038.JPG IMG_0040.JPG IMG_0050.JPG IMG_0054.JPG IMG_0056.JPG IMG_0058.JPG IMG_0061.JPG IMG_0063.JPG IMG_0065.JPG IMG_0066.JPG IMG_0072.JPG IMG_0073.JPG IMG_3837.JPG IMG_3839.JPG IMG_3840.JPG IMG_3843.JPG IMG_3844.JPG IMG_3845.JPG IMG_3842.JPG IMG_3846.JPG IMG_3848.jpg IMG_3852.JPG IMG_3859.JPG IMG_3857.JPG IMG_3863.JPG IMG_3864.JPG IMG_3866.JPG IMG_3867.JPG IMG_3872.JPG IMG_3873.JPG IMG_3884.JPG IMG_3885.JPG IMG_3888.JPG IMG_3893.JPG IMG_3894.JPG IMG_3895.JPG IMG_3897.JPG IMG_3901.JPG

Commenti su Facebook

commento

EffeFemmina

Francesca V., 30 anni. Insieme a Francesco (la EffeMaschio) decide di mollare tutto e partire per un viaggio intorno al mondo...Ed è li che inizia l'avventura che raccontiamo in questo blog... ;)

You may also like...

Cosa ne pensi?