Una settimana

Una settimana fa abbiamo toccato nuovamente terra australiana dopo 4 mesi “oversea”, oltremare, come si dice qui.

Ci siamo immersi subito nella nostra vita qui, a capofitto. Il primo giorno siamo andati al deposito a recuperare dei vestiti civili, innanzitutto. Che le 4 magliette che avevo in viaggio mi provocano l’orticaria a guardarle, ormai! (Tralasciando il fatto che ormai sono buone solo per pulire i vetri….insieme ai pantaloni, che non butto solo per motivi affettivi). E poi le biciclette, inseparabili compagne da queste parti. E siamo andati anche a vedere la prima casa, giusto per non perdere tempo.

Al momento siamo ospiti da amici: loro due (un collega di EM e la ragazza) sono tornati a casa di lui, in Brasile. Così noi facciamo house sitting e gestiamo la stanza che affittano con Airbnb . In parole semplici: ci stanno facendo un favore enorme! Perchè stare in un apaprtamento così, dopo 3 mesi di vagabondaggio, fa davvero piacere. E’ un ritorno alla civiltà in grande stile ;)

Fino al 28 Ottobre abbiamo un tetto sulla testa, ma stiamo cercando casa ora in modalità super intensa, per traslocare al più presto. La zona dove vivevamo, e dove vogliamo tornare, è diventata molto trendy nell’ultimo anno e mezzo, motivo per cui i prezzi sono schizzati alle stelle. Cafè, locali, ristorantini carini, cinema alternativo, negozi biologici, trasporti ottimi, parchi a volontà….ci sono mille motivi per cui tutti vogliono vivere nella bloody hipster Northcote, maledizione! Così siamo alla merce’ del mercato immobiliare, combattuti se rasseganrci a pagare il pizzo “best location”, oppure spostarci più lontano, anche se questo significa che EM avrebbe difficoltà a usare la bici per andare a lavoro. Al momento la sfida è in corso, abbiamo anche presentato domanda per una casa, e siamo in attesa di risposta dall’agenzia immobiliare…il destino deciderà per noi.

Già dalla seconda sera, di fronte a una birra con amici, sembrava di non essere stati lontani a lungo. Korina appena è entrata al pub ha esordito “Ok, ora cominciate dall’inizio, ma davvero dall’inizio, e voglio sapere tutto, ogni dettaglio”. E così il primo nuovo sabato sera è volato tra i racconti del viaggio e del matrimonio all’italiana (e tutti morti dalle risate, ovviamente…), la condivisione di idee sulla Cina e quello che il viaggio ci ha fatto scoprire.

Melbourne ci ha accolti come sempre, col suo tempo pazzo, le strade che sembrano vuote e silenziose dopo un mese passato in Cina, i mezzi pubblici silenziosi, festival a volontà, l’odore di eucaliptus per le strade….l’avevo letto su un libro di un autore australiano, ma non ci avevo mai fatto caso. Poi l’altro giorno me l’ha fatto notare EM….come ogni volta che metto piede in Sardegna sento il profumo di Sardegna, anche qui c’è nell’aria un odore particolare, dato dagli eucaliptus.

Nessun dramma stile Airport Security al controllo passaporti o controlli doganali, invece una ragazza gentile che con un sorriso ci ha dato il benvenuto. Il governo starà cercando di trasformare questo paese in un surrogato degli USA, ma la gente qui rimane Aussie, per fortuna. Che vuol dire anche che sul volo da KL era pieno di bogan in canottiera bianca e pantaloncini: c’erano circa 16 gradi, su quel maledetto volo AirAsia, si crepava dalf reddo e le coperte erano in vendita. Ma i bogan non necessitano della coperta, hanno i tatuaggi loro. E i cappelli da cowboy.

Ci eravamo ripromessi di seguire una dieta disintossicante, ma per ora abbiamo comprato solo la tisana detox. Per ilr esto, stendiamo un velo pietoso. Vi basti sapere che due giorni fa siamo andati a vedere un film italiano al “Lavazza Italian Film Festival”, e dopo il film (Sacro GRA) cosa fai, non entri nel locale accanto al cinema che si chiama “Bar Nonno”? Ovvio che si. Così ci siamo sfondati di pizza, ma soprattutto di pezzetti di polenta fritta ricoperti di salsa di gorgonzola. Una cosa orgasmica. Alla faccia del detox!

It’s good to be back home.

Commenti su Facebook

commento

EffeFemmina

Francesca V., 30 anni. Insieme a Francesco (la EffeMaschio) decide di mollare tutto e partire per un viaggio intorno al mondo...Ed è li che inizia l'avventura che raccontiamo in questo blog... ;)

You may also like...

4 Responses

  1. Mica scrive:

    Home….Melbourne….ahiahiahi;)

  2. Ciro scrive:

    Vi ho appena “ritrovato” qui….perchè una persona dal passato mi ha parlato del sito. Vedervi e sapervi così mi rende davvero felice, se penso al tempo che con Effemaschio siamo stati legati insieme a forza a sedie vicine in stanza buia sotto un palazzo….mi viene l’orticaria!
    Piano piano mi leggo tutto!!!

Cosa ne pensi?